Uomo Introverso, Ragazze Timide, Elon Musk e Hikikomori

Tags:

Quando preferisci passare una serata a leggere che a sentire discorsi sul calcio, probabile che sei un normale introverso.

Se per te fare l’ultimo dell’anno in piazza tra ubriachi, vetri rotti e sottospecie di homo (non)sapiens è un incubo il solo valutare questa possibilità, forse sei una sana ragazza definita timida che preferirebbe passarla con un uomo degno di questo nome l’ultima serata, cena e soprattutto dopocena dell’anno giunto ormai al capolinea.

Contrapposto a queste attività normali sta prendendo piede pure in Italia un fenomeno sociale inquietante in modo particolare, dominio fino a pochi anni fa del solo Giappone:

HIKIKOMORI

Parola composta che deriva da “hiku” cioè ‘tirare’ e da “komoru” che significa ‘ritirarsi:

insieme danno vita al significato di stare in disparte, isolarsi, emarginarsi da soli di propria volontà.

Si pronuncia come lo dicono i giapponesi, io non lo so ma:

so cosa sono e cosa fanno, o meglio non fanno, questa particolare categoria di persone.

Non escono mai di camera!

Ora visto che le case giapponesi attualmente non sono sti grandi palazzi a 100 stanze si capisce che passano la loro vita in uno spazio simile a quello dei detenuti nelle peggiori carceri del pianeta, solo che questa per loro è una scelta autoimposta.

Uomo Introverso, Ragazze Timide e Hikikomori

Perché unire queste tre figure che seppur con qualche punto in comune sono molto distanti tra loro?

Infatti un Uomo Introverso e le ragazze timide sono persone “sane” per quanto si possa esserlo in una società malata, mentre gli Hikikomori tanto a posto con la zucca non ci stanno, o meglio magari sono pure intelligenti, brave persone, molti di loro introversi ecc. ecc.

Resta il fatto che chiudersi in camera per anni non è proprio un comportamento normale salvo monache e frati, ma gente che crede allo spirito che mette incinte le donne abbiamo già detto tutto…

Statistiche precise ufficiali non ce ne sono, ma si parla in Giappone di una cifra tra mezzo milione ed il milione, che sono davvero tante, cioè tra lo 0,5 e l’1% dell’intera popolazione.

La caratteristica giapponese è che sono principalmente uomini ad agire in questo modo, le ragazze-donne del Sol Levante tendono meno a rinchiudersi di quanto non lo facciano i discendenti dei Samurai.

Come sempre visto il famoso essere aggiornati su cosa succede nel mondo tipico dell’italiano medio, è sempre stato e viene ancora catalogato come un altro fatto strano degli incapibili giapponesi da prendere per il culo quando non hai di meglio da fare.

 

Hikikomori: Situazione del Giappone

Il Giappone seppur in parte ha ceduto il primato delle aziende tecnologiche a Corea del Sud e Cina, è sempre uno dei paesi più tecnologicamente avanzati al mondo, ne hanno fatto una vera e propria religione essere sempre avanti, in pratica è una nazione laboratorio che poi esporta parte dei suoi trend nel resto del mondo.

Qualcuno sopra i 30-40 ricorderà benissimo come tutti deridevano in modo plateale i giapponesi e gli orientali in genere che passavano le ferie a scattare foto in continuazione.

Devo dire cosa succede oggi appena esci di casa, camminando in città, per non parlare dei luoghi di vacanza?

Telefono sempre acceso a scattare foto, fare video, selfie ecc. ecc.

La prima ondata di questo fenomeno degli Hikikomori è degli anni ottanta, quando dopo un momento in cui il Giappone comprava il mondo a suon di mazzette di yen, scoppiò la bolla immobiliare giapponese, con conseguenze ancora non assorbite a pieno e deflazione in essere da decine di anni.

Allora negli ultimi anni “80 in camera da solo per passare il tempo potevi fare poche cose:

  • guardarti una videocassetta,

  • leggere,

  • masturbarti…

La seconda ondata ha reso disponibile qualcosa che già di suo porta le persone a rinchiudersi ed a vivere solo attraverso il medium, cioè la rete, il web, internet!

Quindi ora puoi fare le stesse cose di prima ma sul web:

  • guardare un film sul web,

  • leggere qualche post sui blog,

  • masturbarti con i siti porno.

Attenzione a non confondere le due cose:

stare su internet 24/24 ore è solo una conseguenza, non il fattore scatenante degli Hikikomori.

 

Hikikomori ed Elon Musk

Cosa fa scattare questa voglia di isolarsi, di rifiuto verso tutto ciò che non è compreso dentro la camera, cosa provoca il rifiuto perfino di vedere i genitori che sovente devono lasciare il cibo davati alla porta o farlo scivolare dentro da sotto?

Impossibile fare una generalizzazione, le cause sono diverse ed hanno peso differente per ogni individuo, possiamo però vedere qualche tema conduttore frequente.

Sono ragazzi ed uomini spesso molto sensibili, di solito introversi(pure troppo) che non hanno trovato una modalità sana di relazionarsi con il mondo, cosa che li ha fatti sprofondare nell’asocialità totale.

Molti di loro sono o sono stati vittime di episodi di bullismo più o meno grave durante buona parte se non tutta la carriera scolastica e questo incide spesso in modo profondo sulla loro psiche e sul loro gettare la spugna, non voglio più competere se il mondo è questo.

Elon Musk aveva tutti i titoli per diventare un perfetto Hikikomori…

Ma che cazzus dici Sergio, è sempre a parlare di qua, di la, di sopra e di sotto, è l’esatto contrario di un Hikikomori!

Ora è così, ma Elon Musk è stato oggetto di bullismo pesante durante i primi studi scolastici, è sicuramente un introverso e si vede cha a parlare in pubblico non è così sciolto come uno potrebbe credere:

nonostante questo ha poi sfondato alla grande creando 4 business differenti miliardari, mentre gli Hikikomori non hanno trovato e non riescono a trovare dentro di se sufficiente motivazione per passare dal:

nebuscoquanteunnocio

al

glielofaròvedereioaquestidecerebratichiridebeneperultimo!

Il loro essere quasi in modo esclusivo maschi è dovuto al fatto che l’uomo subisce maggiori pressioni sociali rispetto alla donna in Giappone:

devi essere bravo a scuola, cittadino modello, trovarti un buon lavoro, lavorare da schiantare per l’azienda, le donne se ne vuoi una considera che lei prende solo i benefici e non dà indietro nulla o quasi…

Questa pazzesca corsa inizia a scuola a pochi anni di vita e non fa una pausa mai, è di continuo competizione assoluta.

In Giappone non è una cosa recente il dover competere, quello che è recente è che pur impegnandoti tantissimo è facile avere solo un pugno di mosche, visto il cambiamento del mondo del lavoro rispetto ai loro padri e le prospettive-aspettative che possono avere in una situazione economica stagnante da 40anni.

Ecco allora che si passa da uomini erbivori che glie l’han data su (solo) alle donne, a maschi che abbandonano il campo di battaglia che è la società in modo totale, creandosi un piccolo mondo personale tra le loro familiari 4 mura delle cameretta.

 

Hikikomori: siamo tutti Giapponesi…

Bandiera Giapponese: post su uomo introverso, ragazze timide e fenomeno Hikkikomori nel mondo.

Se il Giappone è un laboratorio, un anticipatore di tendenze, è probabile o meglio quasi certo che man di mano arriverà anche in Italia e gli altri paesi occidentali.

Purtroppo il futuro è già qui:

in Italia stime ufficiose parlano di 30-50000 casi già in essere nel 2017, ma è sicuramente sottovalutata la reale portata del fenomeno.

Che dire, cinicamente se nel futuro si arriva a mezzo milione di maschi che escono dalla competizione ragazze belle, potrebbe non essere così svantaggioso questo fatto.

C’è solo un particolare che stona con questa idea:

In Italia le ragazze donne Hikikomori sono al contrario del Giappone in grande numero, abbassando ancor di più il numero di ragazze circolanti.

Hikikomori italiane, chi sono?

Ragazze introverse che sfociano nel timido asociale già in origine, sovente di buona famiglia e ancor più frequente con aspetto fisico non proprio da concorso.

Escluso per ora l’aspetto fisico, posso dire che come si comportano loro è stato per centinaia di anni il comportamento che una ragazza doveva tenere, of course senza l’esagerazione di non stare confinata in una sola stanza.

I canoni moderni che la vogliono brillante, Strafiga, donna in carriera senza alcun problema al mondo, gli vanno stretti, o meglio sono troppo larghi, troppe scelte da fare, troppe cose da decidere per non sbagliare.

Ragazze così sono state per secoli le migliori compagne-mogli quando riuscivano ad avere accanto una persona sensibile ma sempre Uomo con le Palle.

Purtroppo il loro isolarsi totalmente peggiora le cose sia a livello di mente che di aspetto fisico:

una ragazza in sovrappeso di 15 kg quanto pensi che peserà tra 12 mesi e tra 24?

Dopo un anno, a stare molto bassi, almeno altri cinque dieci Kg in più, dopo due senza problemi 20-30kg messi sopra a quelli iniziali già alti.

 

Hikikomori: è colpa delle famiglie?

Le famiglie, i genitori pretendono, vogliono far fare ai figli tutte le cose che non sono riusciti o non hanno potuto fare loro da giovani, spesso per mancanza di denaro.

Come accade anche in Giappone le famiglie dove più di frequente accade questo, sono di solito non ricche ma agiate e tendono a fare molta pressione sul figlio/a in quanto a risultati scolastici e competizioni varie.

Tipica in questi frangenti la frase:

eh se le avessi potute avere io tutte le occasioni che ti stiamo dando, e tu manco ti impegni un pochino!

A cui di solito il figlio/a risponde a bassa voce o solo dentro la sua testa, con un bel:

ma chi te l’ha chiesto, se piace a te fallo, i soldi li hai, perché diavolo mai devo farlo io?

Riguardo all’argomento creature dispettose del pianeta Terra, va detto che di solito sono figli unici o in rari casi il primogenito, cioè quello su cui maggiormente si concentrano le aspettative familiari a cedere e rifugiarsi in questo piccolo mondo fatto di una sola stanza e vari monitor.

Nonostante questo la colpa è molto raro sia dei genitori, anzi quasi mai c’è qualcuno a cui si possa attribuire il demerito di questa situazione:

sono tanti piccoli fattori, impulsi e modelli sociali che alla fine goccia dopo goccia hanno la meglio delle persone più sensibili e sovente fragili.

Tutto si somma:

  • bullismo o prese in giro a Scuola,

  • famiglia che spinge per ottimi risultati,

  • impossibilità ad avere relazioni sentimentali come fanno tutti e tutte

  • psiche debole

  • ipersensibilità emozionale

  • aspetto fisico fuori standard bellezza odierna,

  • disturbi alimentari

  • obesità

  • ecc. ecc.

Ecco quindi che la loro camera diventa un castello con alte mura di protezione ed il web un luogo dove possono essere se stessi o chiunque altro gli va di impersonare:

possono inventarsi la loro personalità vincente, possono essere fighi cool ed amati da molti, mentre nel mondo reale non hanno uno straccio di amico o amica.

Ecco allora che anche in Italia molte ragazze semplicemente scoppiano, non è che non gli importa più di vincere:

abbandonano la corsa, non vogliono nemmeno partecipare!

Sergio

fireofman@fireofman.com

Lascia un commento