Tag Archives: Rimorchio

Uomini timidi ed introversi e la paura di approcciare (parte due)

Published by:

nice girls su fireofman.com

Usare un amico di spalla per conoscere una o più ragazze

Seppur con un giorno di ritardo rispetto al previsto, ieri la seduzione reale ha preso giustamente il sopravvento su quella internet/blog, continuo a parlare del secondo metodo più comune con cui uomini timidi, introversi e non solo si relazionano all’arte di conoscere donne nuove.

Ho affermato che credo fermamente essere il rapporto a due con la donna, il muoversi da lupi solitari il miglior sistema con cui personalità più o meno introverse si possono confrontare con le nuove ragazze da conoscere/approcciare/rimorchiare.

Resta il fatto che emotivamente parlando agire da soli richiede uno sforzo molto grande che alcuni non riescono per vari motivi a superare, almeno fino a che non conoscono me ed il mio sito (o almeno spero sia così), quindi resta solo l’opzione numero due:

dedicarsi al conoscere donne insieme ad un’altra persona/amico/conoscente.
Continue reading

Introversione: vincere la paura dell’approccio

Published by:

smoking woman

Il primo tra i due metodi più comuni per conoscere: Il lupo solitario

Lei sorride, grazie al nostro allenamento ed al post sugli sguardi, riusciamo anche a capire che è uno sguardo d’invito, aperto e chiaro segnale di voler fare la nostra conoscenza, in altri post abbiamo detto anche che solo il salto da timidi ad introversi può sbloccare la nostra seduzione, in più io e milioni di altre persone ripetono continuamente che in fondo non abbiamo niente da perdere a rivolgerle la parola, al contrario abbiamo tutto da guadagnare.

Certo tutto bello, a scriverlo sembra facile, ma la teoria è una cosa molto bella, la pratica a volte meno; certo che lo so, lo sapete, lo sappiamo che le cose stanno così, siamo introversi mica stupidi!
La paura, il timore che ci blocca, le scuse che il nostro cervello trova per farci stare fermi, per rimandare di un altro secondo l’azione, e poi ancora un altro e un altro, fino a che l’attimo è passato, lei si alza e se ne va, oppure lo scassacazzo(superestroverso) di turno va a rivolgerle la parola; certo spesso lei non se lo caca minimamente, ma ormai è infastidita ed il momento magico è passato.
Continue reading

Abilità sociali introversi: come (e se) farsi dare il numero dalle ragazze

Published by:

come ottenere il numero

La condizione necessaria perché prendere il numero sia utile alla seduzione

Per i collezionisti di numeri esiste ormai da molti anni uno strumento imbattibili per superare ogni record:
l’elenco telefonico.
Si lo so molti sorrideranno, altri diranno che questa freddura me la potevo anche risparmiare(ed hanno ragione), ma io vi dico che prendere, ottenere un numero da una o tante donne con cui non avete creato nessun legame, rapporto od emozione, ottenendo il numero solo perché cosa sociale, educazione e buone maniere, ha la stessa utilità ai fini seduttivi di ricopiare i numeri di nomi femminili da un qualsiasi elenco telefonico.
Probabilmente anche meno, dato che con l’elenco magari qualche volta avete fortuna e man mano che migliorate i vostri skills di seduzione telefonica troverete sicuramente qualcuna beccata al momento giusto che vi trova diverso, originale ed interessante, mentre se non avete creato niente nella fase di rimorchio/conoscenza e vi ha catalogato tra gli insipidi, amici, zerbini o altri maschi inutili ai fini seduttivi, mai e poi mai cambierà idea solo perché gli scrivete due messaggi o gli telefonate.
Già sarà molto se vi risponde, la buona educazione delle fiche e ancor più delle strafighe ha un limite, gli scocciatori sono molti ed il loro tempo particolarmente limitato.
Inoltre se prima con i cellulari di prima generazione era un po’ complicato ed in fondo da nerds, oggi bloccare totalmente le chiamate o i messaggi in entrata di certi numeri, con i pc portatili che abbiamo oggi al posto dei telefoni è veramente un attimo ed alla portata di chiunque.
Continue reading

Abilità sociali ed introversi: agire subito in due minuti o andarsene

Published by:

donna che balla in alto

Come l’ambiente percepisce la nostra energia e non ci fa cambiare ruolo

Appena entrato nel locale, mi dico che non ho fretta e mi metto ad osservare la situazione, dopo se ho voglia ed è il caso mi darò da fare per interagire con gli altri o conoscere nuove ragazze.
Già pensavo sempre così ogni volta che entravo in nuovo posto dove non conoscevo nessuno, con il risultato che dopo ore ero sempre appoggiato da qualche parte da solo, annoiandomi e contando i minuti/secondi che ancora mi separavano dall’andarmene.
Forse ricorda qualcosa anche a te che mi leggi, se non hai mai avuto questa sensazione in vita tua, il post probabilmente non fa per te, sul sito ce ne sono altri sicuramente più adatti di questo.
Ma torniamo a me, soprattutto quando da solo, ma a volte anche battendo in coppia con un amico notavo a volte che la serata finiva con questo triste copione, altre in modo apparentemente casuale filava tutto liscio come l’olio:
conoscevo ed interagivo con molti e soprattutto molte fina dai primi minuti.
Da piccolo scienziato dilettante di me stesso ho cercato di capirne le dinamiche, cosa quando e soprattutto perchè avevo risultati così palesamente diversi.
Più di una volta ho tentato di interrompere la serata negativa cercando di darmi una smossa a metà serata, ma quasi mai la cosa andava a buon fine, di solito riuscivo solo a cambiare muro dove starmene a fare da tappezzeria.
Continue reading

Come può Sedurre le Donne Migliori un Giovane Ragazzo Timido?

Published by:

Come sedurre le donne migliori quando sei un ragazzo timido

Giovani ragazzi timidi, troppo timidi, come sedurre le donne migliori, le belle ragazze dotate di cervello funzionante.

Il timido, che non è l’introverso, difficilmente seduce.

  (FireOfMan)

La scena è familiare, la conosciamo tutti, qualcuno l’ha vissuta sulla propria pelle ben più di una volta..

Rinfreschiamo la memoria, vediamola di nuovo:

Come sedurre le donne migliori, PERSONAGGI:

Un ragazzo Timido, una bella ragazza.

SCENOGRAFIA:

Dentro ad un bar, a scuola al lavoro,

AZIONE:

NESSUNA, il tempo passa e non accade proprio niente!

Lui il ragazzo timido continua a guardarla cercando di non farsi beccare da lei e nel frattempo aspetta:

aspetta ed ancora aspetta che succeda qualcosa.

Spera magicamente che la donna oggetto dei suoi desideri, si accorga non si sa bene come di lui e si faccia avanti.

Purtroppo per lui non succede quasi mai!

In rari particolari casi la sua aria di fregarsene di tutti e starsene in disparte può essere scambiata per mistero, ma solo dalle ragazze più sprovvedute e meno sicure di se, le altre riescono con un solo sguardo a capire la differenza lontano un miglio e quasi mai si avvicinano a tali persone.

Nell’adolescenza sono anche  facile oggetto di scherno o di scherzi mancini da qualche coppia di streghette più carine della media, che si divertono a prenderli in giro e quindi giocano con i sentimenti di loro che sono più deboli sotto questo aspetto.

C’è o non c’è il Mistero?

Sovente la risposta è NO:

anche se il Timido spesso gioca e pensa di averlo, in realtà tutto si svolge solo ed esclusivamente dentro la sua mente, dove si rifugia volentieri per fuggire ad una realtà che gli è ostile, non va nella direzione che lui vorrebbe.

Quindi pensando di creare attrazione, ostenta indifferenza soprattutto con la persona oggetto dei suoi desideri nascosti.

Tra i metodi su come sedurre le donne migliori, l’indifferenza cioè considerare poco la prescelta, è una strategia molto potente per sedurre, ma ha bisogno di un particolare contorno per funzionare, per riuscire a smuovere la donna che c’interessa e farla venire di sua iniziativa da noi(seduzione, da seducere cioè attrarre a sè). Contorno e condizioni particolari che in questo caso non ci sono per niente.

Non solo non funziona in questo caso, ma la donna nemmeno si accorge di essere desiderata da lui, gli risulta trasparente, invisibile sul lato seduzione attrazione. Quando lo fa, quando se ne accorge 99 volte su 100, se ne frega e continua come se il timido proprio non ci fosse.

Fa questo non perché maligna e cattiva, come pensa spesso il timido una volta che la cotta per lei è passata ad altro obiettivo; la donna si comporta così dato che non lo vede come possibile partner, come uomo con sufficiente testosterone per stare con lei.

La donna è più semplice di quanto comunemente viene creduto!

Tolto il superficiale velo di complicazioni che la rivestono molto semplice, non fatevi ingannare dal suo fiume di parole e spiegazioni, se non sente attrazione, il sangue ribollire e lo stomaco pieno di farfalle, non c’è niente da fare, inutile farsi tremila seghe mentali seduti a pensare a lei.

Le persone timide tendono ad innamorarsi sempre della più bella e difficile,

cosa questa buona e giusta, lo fanno però molto spesso per il motivo sbagliato:

non per una predisposizione alla bellezza o alla selezione, un non è roba per tutti che sarebbe positivo, quanto perchè inconsciamente sanno che date le loro scarse abilità con il mondo femminile, il tutto sarà ancora, se possibile, più difficile e quindi improbabile di accadere.

Il timido spera in fondo di fallire, di non avere successo con la bella di turno!

Non deve succedere perchè altrimenti ciò li costringerebbe a smuoversi dal loro torpore e ad agire.
Agire che loro tendono a rifuggire in ogni modo, privilegiando il loro mondo interiore, in cui in fondo stanno bene e che non riserva sorpresa alcuna.

Solo il salto quantico da timidi ad introversi può trasformare completamente il loro modo di essere e di vivere la seduzione.

L’introverso non ha paura di agire, al contrario non gli piace agire solo per il gusto di farlo e seleziona le sue poche azioni per le cose che meritano, mettendo in esse tutta la sua energia:
questo porta normalmente allo sperato risultato favorevole.

Dato che i confini tra timidezza ed introversione sono in certe persone assai labili, è bene che il prima possibile venga fatto il salto da uno stato (la timidezza) che può bloccarci e renderci difficile la vita, ad uno(l’introversione) che ormai è dato di fatto, se ben amministrata può portare ad avere successo, nel caso particolare con le ragazze, ma non solo in quello.

Ho visto negli anni troppe volte accadere questo:
timidi che letteralmente si mangiavano le mani cercando l’attenzione di una ragazza, semplicemente standosene fermi in un angolo a rimuginare ed andando via a fine serata soli e tristi.
Questo va cambiato il prima possibile, lo so che all’inizio ci vuole uno sforzo cosciente impegnativo da fare e da accettare, ma solo tramite le prove difficili si riesce a crescere.
In questo modo invece che aspettare che qualcuna, di solito non quella che vogliamo, si accorga non sappiamo bene come di noi, potremo essere artefici del nostro destino sentimentale o sessuale se non vogliamo impegnarci emotivamente per il momento.

Solo l’azione porta risultati:

in fondo cosa può andare male, rimanere da soli?

Solo sentimentalmente il timido 99 volte su 100 già lo è, ricevere un rifiuto in più quando approccia una bella ragazza, non cambierà questo, almeno per il momento..

Chi non ha avuto un rifiuto in vita sua scagli la prima pietra!

Ricorda che non sta rifiutando te, ma come agisci e ti presenti in quel momento e le ragioni del suo rifiuto potrebbero essere mille altre che niente hanno a che vedere con la tua richiesta.

L’esito negativo, lei che ci rimbalza di netto, bruciano, cavolo se brucianodentro, ma poco importa, ci serve ad imparare e migliorare per avere presto risultati positivi.

Potrebbe dire forse e l’interazione continua, rendendo l’azione un successo, almeno per il momento; intanto hai vinto la paura e stai facendo pratica.

Potrebbe dire di si!

Non è che molti timidi hanno in fondo paura che accada la migliore delle ipotesi?
Quando uno ha visto che può agire e conoscere una donna, rendersi interessante ad essa, dopo non può più crogiolarsi nel suo quanto sono pusillanime e disperato io non c’è altra persona al mondo, che tanto gli piace giocare dentro alla sua mente.

Se quella è la vera ragione, non ci si può fare niente, il problema è più grande e forse ci vuole un buon psicologo, perchè avere paura del successo farà in modo che uno non lo raggiunga mai.
Qui su Fire of Man non posso interessarmi di casi clinici o patologici, per quello ci sono i dottori apposta, anche se la loro utilità è limitata senza una reale voglia dell’interessato a cambiare in parte il proprio approccio alla vita.

Quando questa paura non esiste allora si, ben venga, una semplice azione ha risolto e fatto scomparire tutti i dubbi.
La prossima volta sarà dieci volte più facile; quella dopo 100 volte più semplice e improvvisamente un giorno quando motivati davvero, ci muoveremo senza neanche pensarci su, senza neanche porci il problema se agire oppure no.

Sarà allora che i grandi risultati arriveranno davvero, avremo non solo imparato come sedurre le donne migliori, ma saremo migliorati come persone, saremo finalmente un Uomo con le Palle.

Sergio
fireofman@fireofman.com

P.S.

Con la parola timido mi riferisco a coloro i quali hanno una timidezza eccessiva, fuori dal normale essere orientati internamente.  In più ho messo giovani ragazzi, perché nell’adolescenza è quando i problemi sono di solito maggiori, o almeno lo sembrano a chi li sta vivendo.

Con lo scorrere naturale del tempo ed un età da uomo, molti introversi-timidi imparano a gestire meglio la cosa, diventano coscienti del loro valore e quindi aumentano la loro autostima che diminuisce in automatico la timidezza.

 

Introversi Esclusivi

Sicuro? Meglio pochi ma buoni!

solo qualche secondo...

La tua avventura è iniziata!