Quanto Dura un Amplesso: Eiaculazione Precoce, Bugie degli Uomini e Verità delle Donne

Quanto dura un amplesso: un’ora, 30 minuti, 5 minuti, 58 secondi?

Intanto dividiamo il sesso in due parti, i preliminari e il vero e proprio motore a scoppio, cioè pistone e cilindro con motore acceso.

Senza considerare le palesi bugie di molti uomini e le facce disgustate delle loro ragazze belle o no poco importa, quando sono presenti ad ascoltare tali fanfaronate, vi è un solo studio abbastanza serio a cui fare riferimento, con un titolo che è tutto un programma:

A multinational population survey of intravaginal ejaculation latency time.

Abbreviato per evidente comodità nell’acronimo IELT.

Quindi quanto dura il periodo tra inserimento ed eiaculazione?

Eiaculazione Precoce: Quanto dura un amplesso?

Nel multi nazionale esperimento citato poco sopra gli scienziati forse per risolvere dubbi personali hanno tenuto sotto controllo 500 coppie per un periodo di 4 settimane.

Il perché delle quattro settimane è evidente, un intero ciclo mestruale per vedere anche se i diversi periodi e i vari livelli ormonali influiscono su tempi del rapporto.

Stabilito che lo IELT va misurato rimane da decidere come fare e l’opzione scelta è stata dare un cronometro alle donne e via all’entrata e stop all’eiaculazione.

Già questo secondo me influisce sul sesso fatto, però dato che è quello della donna conta di meno per misurare quanto l’uomo ci mette a venire.

I risultati non sono dei più entusiasmanti e a dirla tutta nemmeno precisi, infatti:

è stato misurato una durata, preliminari compresi, di minimo uno e massimo 10 minuti con una media intorno a poco più di 5 minuti, per la precisione 5,4 minuti meno gli uomini turchi che hanno segnato una media più bassa di quasi due minuti, 3,7 minuti il dato rilevato.

Visto ho nominato la prima nazione, ecco le altre coinvolte in questo studio:

Olanda, Spagna, Inghilterra, Stati Uniti che hanno segnato tempi molto simili, infatti escludendo gli uomini turchi dalla media essa sale fino a quasi 7 minuti: 6,7, quindi 1,3 minuti in più.

Lo so a leggere fa quasi ridere un minuto virgola tre ma visti i numeri di cui si parla è da notare che è oltre un 20% in più di su e giù.

Le coppie scelte erano insieme da almeno sei mesi e con regolari rapporti sessuali.

 

Durata dell’amplesso contraria a cosa molti pensano…

Dai dati ottenuti lo IELT non è influenzato dall’uso del preservativo a dall’essere circoncisi per una parte dei maschi, mentre ha una certa influenza l’età:

più l’uomo invecchia e meno dura l’amplesso, l’esatto contrario di ciò che credono molti, me compreso che non sono tanto convinto di cambiare idea…

Della durata media ho detto, cioè 5,4 di tutti gli stati e 6,7 minuti escludendo i “precoci” uomini turchi, ma essa ci dice solo un aspetto della misurazione, è importante sapere i valori minimi e massimi:

0.7 minimo e un notevole 44,1 minuti prima di lanciare gli esserini in potenza ci dicono quanto varia può essere l’esperienza sessuale in termini di durata.

 

Kamasutra originale o modificato impossibile con questi tempi?

Ora senza voler essere maligno, dico che la vedo dura fare le posizioni originali del kamasutra, di sicuro 64 sono tante per tutti, ma nemmeno le otto base puoi fare se non superi almeno i 10 minuti:

5,4 minuti sono 340 secondi, diviso le otto posizione base del kamasutra da cui si originano tutte abbiamo un bel 67 secondi per ognuna delle posizioni da fare.

Da questo tempo vanno tolti i secondi necessari a passare da una posizione all’altra, quindi alla fine il tempo effettivo di sesso selvaggio non è che una manciata di secondi,  di certo ben sotto il minuto.

 

Un mondo di uomini eiaculatori precoci?

Se il 99% degli uomini al mondo sono “già fatto” in pochissimo tempo, gli anormali diventano quelli che ci mettono il doppio o il triplo dello standard a zampillare.

No il mondo non è composto per la stragrande maggioranza di partito e arrivato nello stesso tempo:

a dirlo sembrano veramente pochi i 5 minuti, ma l’eiaculazione precoce è tutta un’altra cosa.

Già, cosa è davvero, come viene definita a livello scientifico medico la “ejaculatio praecox” dei latini che se già avevano il termine per definirla deve aver dato molto fastidio anche ai testosteronici guerrieri romani.

 

Eiaculazione precoce: un solo problema mille cause e definizioni…

Non c’è un consenso generale intorno alla definizione di fare “squisc” troppo presto e no, ho scritto squisc non squirt:

la vedo dura non dico far squirtare che è una delle mode sessuali moderne, ma il semplice far raggiungere un orgasmo degno di questo nome alla compagna.

Premature ejaculation (PE) occurs when a man experiences orgasm and expels semen within a few moments of beginning sexual activity and with minimal penile stimulation. It has also been called early ejaculation, rapid ejaculation, rapid climax, premature climax and (historically) ejaculatio praecox

Il testo qui sopra di Wikipedia mi dice che si può parlare di questa infame condizione quando si eiacula pochi attimi dopo aver cominciato a far sesso e con minima stimolazione dell’attrezzo(bono a poco).

Ecco finalmente stabilito cosa è, o forse no?

No deciso, alcuni sessuologi la considerano esistente solo se l’uomo non arriva nemmeno a dieci spinte(affondi, ficcarlo dentro, vediamo cosa c’è in fondo al tunnel).

Non disperarti, alcuni scienziati qualche anno fa la definivano come “Premature Climax” ogni volta che l’uomo viene prima del raggiunto orgasmo della donna.

Secondo questa linea di pensiero se io ci metto un paio di ore a eiaculare, ma la mia compagna viene solo dopo due ore e tre minuti di amplesso ininterrotto, io sono un uomo affetto da eiaculazione precoce.

The International Classification of Diseases (ICD-10) torna alle origine e taglia la testa a 15 secondi dall’inizio dell’amplesso.

Il consenso dei medici e dei sessuologi in epoca recente converge verso il minuto(forse perché è cifra tonda e si ricorda bene).

Sotto un minuto è eiaculazione precoce, sopra al minuto di durata sei Rocco John Holmes e SuperSex uniti in una sola persona:

TU!

Cause dell’ejaculatio praecox e distinzione dei vari tipi:

Sei pronto a una notizia bomba mai rivelata?

Sei a sedere in modo che non caschi in terra dalle emozioni che prendono il sopravvento su di te?

Ok, allora dico subito:

in numerosi studi è stata avanzata l’ipotesi che l’eiaculazione precoce sia causata dalle troppe seghe e troppo veloci!

Non è finita qui, la causa è più a monte:

dato che l’adolescente brufoloso in calore ha paura di essere beccato a masturbarsi dalla famiglia o altri, ecco allora che accelera la manina per venire prima e quindi minor rischio.

Questa tesi non mi convince tanto, è vero che il rischio è minore, ma se appena finito di pulirsi ricomincia a tirargli il collo, il rischio è pressapoco identico.

Continua presto con la visione femminile del “problema” eiaculazione precoce e tempi ottimali dell’amplesso

 

Sergio x Fire of Man

sergio@fireofman.com

 

References:

Wikipedia Premature Ejaculation

Wikipedia Eiaculazione Precoce

A multinational population survey of intravaginal ejaculation latency time.

 

Serefoglu, EC; McMahon, CG; Waldinger, MD; Althof, SE; Shindel, A; Adaikan, G; Becher, EF; Dean, J; Giuliano, F; Hellstrom, WJ; Giraldi, A; Glina, S; Incrocci, L; Jannini, E; McCabe, M; Parish, S; Rowland, D; Segraves, RT; Sharlip, I; Torres, LO (June 2014). “An evidence-based unified definition of lifelong and acquired premature ejaculation: report of the second international society for sexual medicine ad hoc committee for the definition of premature ejaculation”Sexual Medicine2 (2): 41–59. doi:10.1002/sm2.27PMC 4184676PMID 25356301.

 

Limoncin, E.; et al. (2013). “Premature Ejaculation Results in Female Sexual Distress: Standardization and Validation of a New Diagnostic Tool for Sexual Distress”. Journal of Urology189 (5): 1830–5. doi:10.1016/j.juro.2012.11.007PMID 23142691.

 

Althof, S.E.; et al. (2010). “International Society for Sexual Medicine’s Guidelines for the Diagnosis and Treatment of Premature Ejaculation”. Journal of Sexual Medicine7 (9): 2947–69. doi:10.1111/j.1743-6109.2010.01975.xPMID 21050394.

 

Coolen LM, Olivier B, Peters HJ, Veening JG (1997). “Demonstration of ejaculation-induced neural activity in the male rat brain using 5-HT1A agonist 8-OH-DPAT”. Physiol. Behav62(4): 881–91. doi:10.1016/S0031-9384(97)00258-8PMID 9284512.

Lascia un commento

Privacy Preference Center

Necessary

Advertising

Analytics

Other