o come sono sfortunato, nessuna mi considera: voglio morire!

Una tra le frasi più cercata, la dice lunga sui piagnistei diffusi in rete

Frase forte, molto forte “voglio morire“, ma oggi che quasi ogni parola è abusata, travisata o almeno spogliata del suo significato originario, ci sono ben oltre due milioni e settecentomila risultati su tale espressione; possibile che tutti vogliono suicidarsi, mi sembra davvero molto strano.
Più probabile che è un lamentarsi, oh misero me, me tapino, me sventurato, sono sfigato è vero, ma sono il più sfigato di tutti; ognuno vuole eccellere in qualcosa, essere il primo, anche se solo nella sfortuna.
Ma perché ne parlo oggi, cosa mi spinge a solo considerare l’argomento nel mio sito che dovrebbe parlare di cose ben più allegre(topa, carisma e look figo), cosa è che mi costringe a scriverci un post sopra?

Molto semplice, in particolare tra i più timidi e sfortunatamente anche tra alcuni tra i più introversi tra noi questa attitudine prima o dopo viene fuori in molti; niente di sbagliato, un momento di sconforto può succedere a tutti, nessuno ne è immune, a volte sembra davvero che la dea bendata, forse proprio per colpa della benda, si sia scordata che noi perfino esistiamo, figuriamoci degnarci dei suoi favori.
Un momento va anche bene, piangersi addossso ripetutamente e continuamente non solo non serve a niente, ma solitamente c’attira addosso altra sfiga, in più nessuna persona normale, per non parlare di quelle speciali, ci vorrà avere vicino, causa i nostri piagnistei continui che altro non sono che continue richieste d’attenzione:
siamo come dei bambini che piangono, battono i piedi e fanno bizze su bizze per attirare l’attenzione su di se.

Ora se questo non andrebbe permesso farlo neanche ai bambini, dato che vanno stoppati la prima volta che tentano ciò, per non creargli un pericoloso precedente che tenteranno poi a ripetere se gli funziona; è intollerabile ed inconcepibile una volta raggiunta la maggiore età, anzi vi rivelerò un segreto, per chi ancora non ci crede:
Ognuno ha i suoi di giramenti di coglioni, anche se non va a piangere in giro o a scrivere su google voglio morire…

Vediamo ancora meglio la prima parte della frase:
“come sono sforunato, nessuna mi considera…”
Come scritto altrove, non è che le donne sono cattive di natura(be forse qualcuna…), quindi se nessuna ti considera, non è sfortuna, non è sfiga elevata all’ennesima potenza, è solo che non crei attrazione, non emani sufficiente carisma per essere considerato un partner; detto in poche parole:
sei per loro trasparente!

Ora visto che nessuno è mai migliorato di un solo centimetro piangendosi addosso e sicuarmente ancor meno piangendo sul web, è forse giunta l’ora, passato il momento di sconforto che c’è concesso di fare qualcosa per cambiare questa situazione; senza trasformarsi o inseguendo improbabili sogni di diventare l’estroverso della compagnia che se le scopa tutte(se mai tale personaggio sia mai esistito fuori da i films di holliwood); ma migliorando le nostre qualità che ben ci sono e cercando donne adatte per come siamo fatti noi.
Fortuna vuole che molte donne di alto se non altissimo livello amano in modo particolare l’uomo introverso, in questo modo loro possono parlare di più ed essere maggiormente capite, visto che siamo più vicini a come sono fatte loro.
questo però solo se viene emanato sufficiente Testosterone, e ciò non può accadere di certo mentre piangiamo replicando le bizze che fanno i bambini:
un Uomo, un vero Uomo, non si piange addosso, non si lamneta inutilemta, considera la situazione, il problema e si da da fare per risolvere se possibile, o non ci pensa più se irrisolvibile; inutile sprecarci tempo e sospiri sopra.

Allora si, un Uomo di questo tipo può attrarre le donne giuste, perchè se al momento non le ha, cercherà di capire cosa non va nel suo Look, o nei suoi modi di fare che tengono le donne lontano da lui:
individua il problema e lo risolve; tutto qui, non c’è altro da fare.

Lamentarsi è lo sport popolare italiano, ma se siete mai stati in un ospedale o in qualsiasi posto con più di due vecchine, avrete visto che fanno a a gara a chi ha più mali(preferibilmente cronici ed inoperabili) all’attivo; questo se motivo di infinite conversazioni tra ottantenni, non va bene per attirare le donne che ci piacciono, che normalmente sono positive, solari e sicuramente non si metteranno con personaggi che non fanno altro che piangere, anche perchè l’elencare continuamente quanto siamo sfortunati e come la nostra vita è unammerda e dovremmo fare qualcosa ma non la facciamo mai; non solo ci qualifica immediatamente come sfigati e da evitare, ma succhiamo anche l’energia della persona o persone che ci stanno ad ascoltare.
Ben presto tale donna realizzerà che dopo essere stata con noi si sente sfinita e purtroppo non per una bella e lunga scopata che è un bell’essere sfinita, bensì sfinita emozionalmente che è un brutto essere sfiniti, gli abbiamo prosciugato la sua energia psichica.
Potete stare tranquilli che da ora in poi c’eviterà come la peste o come la gente evita un commesso d’equitalia che è uguale…

Lo smettere di piangere, di dare la colpa alla sfortuna ed altri agenti soprannaturali ci permette un grande vantaggio:
al momento che capiamo che dipende da me e solo da me i risultati che ci saranno posso farci qualcosa, posso cambiare l’esito, posso migliorare praticamente all’infinito, non ci sono limiti a dove posso arrivare se mi ci metto a lavorare con metodo e costanza.

Tutto qui, non c’è altro segreto, la responsabilità è nostra, non sono le italiane difficili o le strafiche stronze di qualsiasi nazionalità esse siano, quello che manca è ad alcuni di noi salire di livello, migliorare i nostri social skills, aumentare il nostro carisma e crearci un Look unico che attrae e ci distingue positivamente, in questo modo diventeremo dei veri Seduttori e tutti questi pregiudizi si scioglieranno come neve al sole.

Sergio
sergio@fireofman.com
oppure
fireofman@fireofman.com

Lascia un commento