La vera Donna, La Top Level, odia le femministe!

Donne di questo livello nascono di rado, forse più belle, ma non con la stessa classe…

Oui je suis Catherine Deneuve”

    (Catherine Deneuve)

Catherine nonostante i segni del tempo che ha lasciato gravi colpi sul suo volto, non smette di essere una Donna Top level, il suo pensiero critico, realista, dovrebbe far riflettere molti.

Purtroppo visto che è del cervello che stiamo parlando e che per riflettere in uno specchio qualcosa deve pur esserci, le sue parole saranno ascoltate da pochi.

Probabile che se avesse detto davvero fino a dove la pensa in tale modo, sarebbe stata sottoposta ad accuse e processi sommari ancora maggiori della gogna mediatica attuale.

Per chi non sapesse a cosa mi riferisco, il succo del discorso è qui:

incredibile ma vero, si è scoperto che un produttore cinematografico chiedeva la passera in cambio della parte in un film, of course oltre metà(femministe più maschiopentiti e zerbini vari) mondo occidentale ha gridato allo scandalo.

Norme più severe, ergastolo, pena di morte, tagliategli le palle ecc. ecc.

Per gli stupratori, i violentatori?

No, per tutti gli uomini che guardano una donna, hanno l’ardire di rivolgere la parola ad una donna, senza che lei vi abbia rilasciato un permesso in triplice copia con marca da bollo da 12,50 euro, oppure crimine gravissimo, il massimo dell’uomo maiale, tentare di rimorchiarla.

Catherine Deneuve insieme ad altre 100 donne francesi ha denunciato come le donne, le femministe più accanite in particolare abbiano solo invertito i ruoli:

da vittime a carnefici!

Continua affermando che:

è un DIRITTO dell’essere umano e quindi anche dell’uomo importunare l’altro sesso, cercare di parlargli e di sedurre l’altro/a.

Tutto questo discorso per dire una semplice cosa:

l’uomo ha il dovere diritto di rimorchiare, di conoscere di sedurre la donna che gli piace.

La donna dal canto suo, può accettare o rifiutare le avances, ma denunciare un uomo, metterlo alla gogna, solo perchè è acida e quindi non scopa, non è nemmeno vendetta, è semplicemente stupido.

Infine sempre nel manifesto appello pubblicato su Le Monde, afferma che non sapere riconoscere un maldestro insistente rimorchio con una violenza sessuale è una cosa che normalmente le donne imparano a distinguere già nella prima adolescenza…

Donne che non vogliono la parità, gli basta vendicarsi sugli uomini, la cui maggiore colpa reale, potrebbe essere il fatto che si sono rifiutati di dargli due colpi.

Tra le righe si capisce come un continuare di questo comportamento alla fine danneggi più le donne che gli uomini.

Il trend tutto occidentale, ma di portata mondiale, che vede sempre più uomini rifuggire le connazionali, proprio neanche considerarle e fiondarsi in oriente o in Sud America, non è solo un problema estetico:

è alla base una ricerca di una donna con valori più rapportati al reale e meno acida nei confronti degli uomini in particolare, ma in realtà con l’intero mondo, prima di tutto loro stesse.

La Francia, le Donne francesi o almeno una parte di loro ci ricordano che senza il magnifico gioco delle parti in seduzione, la vita è davvero poca cosa.

Intelligentemente Catherine ci ricorda che gli hashtag di twitter per denunciare il porco che c’è in ogni uomo, o anche io sono una vittima, non libera la donna:

contribuisce alla guerra dei sessi e favorisce i nemici di un parità vera su tutti i fronti.

Parità che è data dalla diversità di genere e non da un emulazione di modelli androgini che non fanno nemmeno pena, sono semplicemente patetici.

 

Queste razziste al contrario, hanno purtroppo effetti devastanti sul mondo reale:

sta diventando talmente radicata questa convinzione che un babbo si domanda se è giusto o no abbracciare sua figlia piccola.

Basta poco a rovinare una vita, un’accusa di questo tipo, vera o falsa che sia, distrugge la reputazione di un uomo per sempre!

 

I peggiori come sempre sono gli uomini.

No, non gli uomini Porci e Maiali ed ancora prima i lattonzoli(quando i maialini ancora prendono il latte), no non loro, ma i maschiopentiti, i dipallenondotati, che nella speranza di riuscire finalmente a fare del sano sesso, si abbassano a qualsiasi comportamento contrario all’essere Uomo.

I più svegli(si fa per dire) tra di loro un giorno realizzeranno che anche la femminista più convinta, starà bene ed in pace con il mondo solo quando trova un Uomo degno di questo nome sulla sua strada e scopa ripetutamente bene.

Scoperta, rivelazione, che li farà pensare a quanto sono stati coglioni a scimmiottare i comportamenti femminili di bassa lega:

forse comportandosi da uomini, non aveva tutti quei begli elogi di comportarsi da castrato, però scopava e poteva trovare una Donna vera di alto livello con cui fare una parte del percorso che chiamiamo vita, ma per molti non lo è.

Ero non amareggiato, ma deluso, profondamente deluso da questa immensa campagna mondiale contro l’uomo, oggi dopo aver letto le parole della divina Catherine, mi sento molto meglio:

forse c’è ancora speranza, forse si intravede una luce in fondo al Tunnel.

Le donne di livello, Top nella testa e nel corpo ancora esistono:

possiamo ripartire da qui, maschiopentiti e femministe acide lasciamoli cuocere nella loro stessa brodaglia!

Come riassume perfettamente Catherine:

L’Uomo ha il diritto di Provarci!

Sergio

sergio@fireofman.com

 

P.S.

Non amo discutere di fatti di cronaca o altre notizie super popolari, ma il fatto del produttore che scopa le aspiranti attrici mi fa ridere se non fosse penoso:

Mettiamo che tutte quelle che hanno poi fatto le attrici grazie a lui, se le sia scopate.

Sicuramente ce ne sono almeno 10-100 volte tanto questo numero, le quali al viscido produttore che non scoperà mai gratis, hanno scelto di non fargliela neanche vedere da lontano.

Purtroppo per loro non hanno fatto successo, alcune magari si, la maggioranza no:

però non hanno svenduto la passera, che è sempre il metodo più veloce per ottenere qualcosa!

A parte il fatto che molte si sono unite al coro anche io, anche io, solo per farsi un po’ di pubblicità, visto le non brillanti carriere difficilmente recuperabili ora neanche svendendo culo bocca e qualsiasi altro buco possibile.

Forse il problema non è lo scambio parte nel film con passera, quanto che nessun produttore ritiene lo scambio favorevole, ci sono le nuove leve pronte a fare l’affare:

poi tra vent’anni si lamenteranno pure loro…

Lascia un commento