Come piacere alle ragazze quando sei timido

Come piacere alle ragazze belle potrei aggiungere, o meglio ancora come attirare le ragazze strafighe, perché suscitare l’interesse solo delle più cesse tra le donne credo non sia l’obiettivo di nessuno, timido o spavaldo che sia.

Catturare l’interesse, l’attenzione, i pensieri ed il cuore di una qualsiasi ragazza-donna non ha quasi mai niente a che vedere con l’essere timido, introverso o il più estroverso della zona.

La scintilla che fa scattare il quid misterioso che porta una ragazza a desiderare te e solo te è in parte sconosciuto, mentre la parte nota è sicuro che non è essere super estroversi o stelle brillanti in società, l’anima pulsante delle feste, detto anche giullare, quello che seduce.

Come piacere alle ragazze

Basta essere se stessi?

Comportarsi in modo gentile?

Aiutarla anche se ci tratta da merde?

Essere sempre presenti e disponibili quando lei chiama?

Ora che abbiamo visto quattro cose da evitare ad ogni costo per non entrare dritti in FriendZone o nel recinto degli zerbini, vediamo qualcosa di utile per catturare il suo cuore, cervello e of course passeraculo-tette!

Come piacere alle ragazze venusiane o marziane

Il titolo di questo post è leggermente fuorviante:

non esiste una “categoria ragazze” per cui facendo una determinata cosa piacerai senza dubbio a tutte quante senza neanche una che va controcorrente.

Risulta vero l’esatto contrario:

anche il più figo bello, ricco, affascinante uomo del mondo avrà sempre un gran numero di donne su cui non fa nessuna presa, potrebbe perfino darsi che lo trovano repellente, mentre le altre si gettano nel fuoco per solo riuscire a vederlo un breve attimo.

Piacere alle venusiane e fare schifo alle marziane!

Visto che qualche strafiga sembra provenire da venere, o meglio che sia Venere egli stessa che esce dall’acqua, e che di marziane donne sempre in guerra con il maschio cattivo ne abbiamo fin troppe, vediamo chi sonoe come si comportano nella realtà.

Le venusiane sono le donne dolci, femminili come dovrebbero essere, dotate di grazia e di un’innata classe tipica di certe femmine:

le più sono in questo stato che delizia occhi e cuore nella prima gioventù, poi il cinismo, l’acidità trasforma molte di loro e diventano delle marziane.

Marziane sempre pronte a rompere i coglioni, ops le palle all’uomo, a lamentarsi che sono tutti stronzi, porci e che si scopano solo le ragazzine ventenni(chiamali stupidi…).

Fino a quando era “ragazzina” pure lei non gli fregava tanto di chi scopavano gli uomini visto che era inclusa, ora per par condicio si scopa i ragazzini di 20-30 anni meno di lei.

Sto divagando, torniamo al come piacere alle migliori ragazze:

Come piacere alle ragazze di diversa tipologia

Non puoi piacere a tutte!

Non puoi costringere una donna a cui non piaci a cambiare idea e innamorarsi di te.

Più fatichi a piacere ad una donna e più stai sprecando il tuo tempo, le donne non si convincono con argomenti logici e benefici vs punti a sfavore.

La donna si attrae con l’emozione, a pelle, con carisma, con il fascino animale da maschio, con il desiderio e l’intenzione proiettata su di lei, non di certo con la logica.

Come sedurre con la timidezza, con l’introversione:

come riuscire a piacere alle ragazze quando non abbiamo il coraggio di andare a conoscerle, o quando ci proviamo e ci blocchiamo.

Le parole sembrano svanite, il cervello completamente in pappa, la nostra faccia(che vergogna) che diventa rossa.

Come piacere alle ragazze:  Ricordati di venere e marte…

Venusiane e Marziane non sono solo due tipi di donna, sono una metafora per far capire che le donne non sono un’entità unica, piaci ad una e piaci a tutte le altre.

Non funziona così, la realtà è quanto di più lontano da questa idea.

Ogni donna è unica in un suo certo modo e sarà attratta da certi particolari del maschio e respinta da altri:

questa sua unicità si fonde poi in dei gruppi o macrogruppi che possono essere attratti da chi ha certe caratteristiche.

Uomo ideale donna ideale: il completamento del puzzle.

Quando ogni donna fosse attratta solo da un determinato e preciso tipo di uomo e da nessun altro sarebbe un grande problema:

potrebbe passare tutta la vita senza mai trovarlo, oppure trovarlo ma è già occupato, i danno e la beffa!

Noi maschi potremo avere lo stesso problema, seppur limitato da molti omicchi che nella donna ricercano solo che abbia un buco e che respiri, non gli serve altro.

La natura viene in aiuto e fa scopare quasi tutti!

Visto che il perfetto partner, l’anima gemella dei romanzi rosa è difficile da incontrare fuori dalla carta stampata, la natura è corsa ai ripari dandoci nella fase di attrazione l’idealizzazione dell’altro sesso.

Nella seduzione pratica funziona così:

lui non è il perfetto match per lei  a cui piacciono gli intellettuali palestrati, che amano l’aria aperta sono intelligenti ma spontanei ecc. ecc.

Non è perfetto ma ha due o tre caratteristiche importanti giuste per lei.

visto che all’inizio, nell’incontro, nel nascere di una relazione le informazioni sull’altra persona sono poche:

lei completerà il puzzle mettendo nelle caselle mancanti un idealizzazione dell’uomo che piace a lei.

Vediamo cosa ne pensava un grande seduttore dello schermo 100 anni fa:

Rodolfo Valentino in una delle sue pose classiche.

Rodolfo Valentino in una delle sue pose classiche.

Io sono soltanto la tela su cui le Donne dipingono i loro sogni:

ecco spiegato da Rodolfo con poche parole il concetto dell’idealizzazione.

Uomo timido o Introverso: come piacere alle ragazze

Mettiamo insieme i due grandi fattori scoperti fino a ora:

  • non puoi piacere a tutte

  • per piacere non devi essere il modello di uomo perfetto per lei.

Ecco quindi la ricetta per piacere alle ragazze se sei timido:

scegli solo ragazze a cui piace l’uomo riservato, che sta per le sua, timido se vogliamo dire.

Dimostra che hai qualcuna delle caratteristiche da cui lei è attirata, le altre ce le metterà direttamente lei e ti farà diventare il suo uomo ideale.

Tutto qui, non vi è altro, si può scendere nei dettagli e nei casi particolari, ma sempre verremo riportati a questi due grandi fattori primari.

Trovare le ragazze giuste a cui piacere

Una volta individuata la tipologia di ragazza su cui fai più presa, su cui hai qualche qualità attraente per lei, devi farti vedere, poi vedere ed infine devi farti vedere di nuovo:

nessuna ti busserà mai a casa!

Se le ragazze su cui fai più effetto sono quelle casa e chiesa è perfettamente inutile che continui a frequentare ragazze alternative e ribelli a cui come uomo possibile maschio da sbattere risulti completamente trasparente, inesistente.

Devi andare dove la tua tipologia di donne è:

farsi vedere, andare in tale ambiente ma saltuariamente senza integrarsi troppo, altrimenti perdi il fascino dello straniero, del misterioso chissà chi è, cosa farà.

 

Le ragazze a cui piaccio sono di una categoria che non piace a me, come faccio?

Wow siamo partiti che non avevi uno straccio di ragazza e già fai il pretenzioso…

Bravo, ottimo, mai scendere di livello, o qualità o niente.

Ricordi i due grandi fattori?

Se ad un gruppo tipologia di donne non piaci, non puoi costringerle a volerti, sei tu quello che deve cambiare:

non hai bisogno di trasformare tutto il tuo essere chi sei, da dove vieni, dove andrai.

Ti sarà sufficiente sviluppare-imparare-mostrare qualche qualità che attira le ragazze di questa tipologia, il resto ce lo metteranno loro.

Difficile che attirerai le più perfette di categoria, quelle che vi si rispecchiano al 100%:

per loro le qualità da avere inerenti tale gruppo per risultare attraenti sono troppo alte per chi viene da fuori.

C’è in ogni gruppo chi vi appartiene solo in parte e sconfina in altre tipologie di donne, magari propria quella su cui facciamo presa:

basta correggere un attimo il tiro integrando qualcosa del nuovo gruppo ed il gioco della seduzione è fatto!

Fire of Man

 

Lascia un commento