Ti faccio vedere la foto…

Ovvero: come sputtanare da soli la propria donna?

Inutile mi fai vedere la foto, prima cosa non te l’ho chiesto, seconda cosa, se non siamo amici di lunga data, lo fai solo per far vedere quanto sei fico e ganzo, quindi sinceramente puoi evitare di farlo.

Inutile mi fai vedere una sconosciuta magari pure nuda, ho smesso di guardare i giornaletti porno da un bel po’, non volevo ricominciare proprio ora, inoltre la vita è strana:

qualche anno fa ad un furbacchione venne la bella idea di far vedere le foto di nudo della ragazza con cui stava avendo un flirt all’epoca.

Foto in cui lei stava seduta nuda su una sedia a gambe aperte:

osservando bene sono sicuro che si poteva vedere anche l’ugola!

Ora se fosse stato una conoscenza tra le più strette, diciamo al livello di ‘amici da una vita’ poteva quasi essere comprensibile, ma il bello è che con tale persona avevo una conoscenza superficiale(giustamente direi).

Ultima aggravante non le faceva vedere solo a me, bensì gongolando nella sua furbizia a chiunque gli capitasse a tiro, questa la frase tipo con cui mostrava le foto:

“eh, devi sapere che io mi sto scopando questa, guarda qua che pezzo di fica che è!”

Senza considerare il fatto che se non ricordo male era polacca, ma sarebbe stato grave con ogni donna italiana e/o fuori confine, sbattersene ampiamente della sua privacy ed andare in giro a vantarsene con tutti è proprio da sfigati all’ultima spiaggia:

patetico, tristezza, immensa tristezza!

Il bello doveva ancora arrivare!

Causa miei frequenti soggiorni all’estero in tale periodo, perdo di vista lui e mi dimentico totalmente della cosa, fino al giorno che rientrato a casa scopro che si è sposato.

Indovinate un po’ con chi si è sposato?

Con la ragazza dall’ugola d’oro, o per meglio dire dalla ragazza a gambe larghe con in primo piano la passera e le tette.

 

Dato che io sono per mia natura particolarmente buono, per niente ironico e sarcastico, per non parlare di cinico, cerco di dargli una mano nel dimenticare il fatto che aveva sputtanato con mezza popolazione maschile la ragazza che si era poi sposato.

Quindi appena lo incontro dopo gli auguri di rito, chiedo gentilmente se ha qualche foto da farmi vedere:

all’inizio non capisce e risponde che ne ha molte, poi dopo una ventina di secondi, vedo dalla sua faccia che ha finalmente realizzato che la mia innocente domanda, non era poi così casta e pura…

Il risultato è lui che taglia corto e con una scusa si dilegua.

 

Sputtanare, violare la privacy di una donna che ci ha concesso la sua fiducia non è cosa da Uomini con le Palle, prima ancora che da seduttori:

sono comportamenti Dongiovanneschi che dimostrano al mondo solo quanto uno si sente insicuro, non certo il suo valore personale.

Siamo però il paese dove gli uomini tra:

a) raccontare senza averlo fatto(con lei che conferma),

b) farlo senza poterlo raccontare assolutamente a nessuno.

Dicevo siamo il paese dove la maggioranza schiacciante sceglie la seconda opzione, la b.

Se non è la società dell’apparenza questa, non saprei cosa possa esserlo…

 

Due parole anche sul fatto della “foto che conferma la verità”:

io vedo una foto di una nuda, ma non so altro, potresti averla pagata, riciclata una trovata su internet o che te l’ha passata un altro coglione come te:

non c’è alcuna conferma, nessuna sicurezza che la foto dimostri che te la sei “fatta” davvero.

Credo fermamente che non mi devi dimostrare niente, mi stai facendo vedere una foto di una sconosciuta, se hai avuto bei momenti con lei sono contento per te:
se non è vero se proprio un coglione, ma a me non cambia niente ci posso credere ugualmente, la mia vita non migliora se è vero oppure no.

Sergio

sergio@fireofman.com

Lascia un commento