Introversi o Timidi: come Sedurre una Donna

Prima ancora di sapere cosa fare, è importante conoscere le azioni da evitare

Sedurre una donna non è difficile, sedurre una specifica categoria di donne già lo è di più, mentre sedurre proprio quella donna, di solito quella per cui abbiamo perso la testa, può talvolta essere quasi impossibile.

Va capito che noi migliorandoci internamente ed esternamente possiamo attrarre più ragazze,  di livello più alto, ma difficilmente possiamo sedurre una specifica persona se non è in un momento ricettivo, oppure per qualsiasi motivo non le piacciamo proprio.

Si può a volte con tempo ed energie a disposizione riuscire anche in tali casi, ma quasi mai il gioco vale la candela:

le donne sono talmente tante e diverse che fissarsi per lungo tempo su di una non ricambiati non è da persone intelligenti.

Quello sopra è un errore comune tra timidi ed introversi che non agendo sono capaci di trascinare infatuazioni per mesi ed anni, senza arrivare mai ad un punto in cui sia chiaro se lei ricambia davvero l’interesse, oppure è solo un’enorme sega mentale.

L’amore perdona tutto tranne una cosa, quella di non essere amato.”

(Henry Lacordaire)

Un altro comportamento frequente e sbagliato fin nel profondo è quello di tentare di convincerla con la ragione, con le parole che siamo il miglior e più adatto uomo per lei.

C’è solo una categoria di donne che si fa convincere, ma pure lei non si accontenta di sole parole, vuole vedere estratti del conto corrente, case intestate ecc. ecc.

Tutte le altre donne, almeno quelle sane non ragionano, non calcolano, si emozionano ed in base al loro sentire scelgono con chi andare e chi no.

Le donne non sanno da cosa sono attratte

ma sono bravissime a razionalizzare le loro scelte dopo, quindi non chiedete a loro cosa gli piace, le risposte ottenute sarebbero false, anche se date in buona fede.

Molte di loro diranno tranquillamente che sono attratte dai bravi ragazzi, dall’uomo serio e rispettoso e poi la sera dopo si fanno sbattere dal bad boy di turno che hanno appena conosciuto, mentre voi che bravo ragazzo lo siete sempre stato, vi tirate l’ennesima sega con la carta vetrata del sessanta per soffrire di più.

Un altro errore tipico degli Introversi tendenti al timido è aspettare che faccia tutto lei:

alcuni lo fanno perché non sanno cosa fare, altri soprattutto durante la fase che dovrebbe precedere l’approccio dell’uomo, per non rompere l’incantesimo, la situazione magica che si era creata.

Così facendo l’occasione sfuma, la donna si rompe le palle ed una situazione che aveva tutte le carte a favore per essere un ottimo rimorchio, sfocia in un nulla di fatto con lei delusa dall’uomo.

Altri ancora sono dei piccoli mostri di narcisismo e vogliono che sia la donna a darsi da fare perché pensano di meritarselo.

In Italia in particolare dove la donna ha sempre paura di essere considerata una “che la da facile” questo comportamento è da evitare:

togliendo a lei la responsabilità dell’agire attivamente, ce ne sarà grata e aumenteranno le probabilità a favore della seduzione.

Per chiarire meglio la questione tra Seduzione Attiva e Passiva vanno fatte un paio di precisazioni:

a) Certo che si può sedurre passivamente, ma il tempo necessario è solitamente maggiore

b)  Per chi non ha un Look di buon livello e non ha una certa esperienza di Seduzione, fare il passivo equivale di solito a continuare a farsi le seghe.

Nel Post “Come rimanere un morto di figa” avevamo visto che vantarsi ed autocelebrarsi non è mai una buona idea per sedurre una donna.

Questo perché si viene percepiti come spacconi, egotici e nei peggiori casi come bugiardi patologici.

Chi si loda s’imbroda.

Il vantarsi, il raccontare quali meravigliose persone siamo noi, ricade preciso nell’errore di tentare di convincerla a parole, che come abbiamo appena detto, non funziona quasi mai.

Allora ho capito tutto, dobbiamo essere noi stessi

Non diciamo cazzate per favore, dato che se comportarsi in un certo modo porta zero donne, solo cambiando modo di fare e/o di pensare possiamo cambiare i risultati verso il segno +.

Certo che siamo noi stessi, non potremmo essere diversamente, ma rimanere fedeli a modelli e comportamenti che ci danneggiano sensibilmente è più che poco furbo:

è veramente Stupido!

Parlare troppo di noi, che sia vero o no non importa, danneggia il tentativo di seduzione in atto:

la donna è curiosa, è attratta irresistibilmente dalle cose che non sa, quindi meno diciamo di noi è più sarà probabile che lei ne voglia sapere “di più” su di noi.

Il meccanismo dell’idealizzazione,  dell’Halo Effect, dell’attribuire caratteri positivi alla persona che ci piace, non funziona solo nel mondo maschile.

Le donne quando interessate da un uomo ragionano in modo simile:

quindi meno sa di noi nelle prime fasi, maggiore la probabilità che lei completi il puzzle di chi l’attrae, mettendoci i suoi idealizzati pezzi.

La donna deve essere sedotta dal nostro modo di fare, dall’immagine coerente che proiettiamo continuamente, ma che soltanto le Donne di livello più alto possono recepire.

Non sarà certo l’ultimo modello di auto o il nostro ultimo gadget tecnologico a sedurla, sarà il nostro Testosterone, il nostro non avere fame, il nostro stile unico e particolare che è in armonia con chi siamo realmente.

Ricordo che lo stile, il Look che attrae non è quello che ci vogliono vendere gli stilisti a prezzi gonfiati oltre la decenza, quanto il fatto di saper cogliere in ogni momento dei pezzi unici che insieme diventeranno riflesso del nostro io trasportato all’esterno.

La moda passa, lo Stile resta.”

(Coco Chanel)

 

Per oggi basta così, intanto assmilare e fare propri questi concetti abbastanza semplici del sedurre una donna.

Con il tempo ci saranno altri articoli su FireOfMan che continueranno il discorso iniziato oggi.

restate sintonizzati!

Sergio

Lascia un commento