Facile test che ogni Introverso dovrebbe superare

Come scoprire la tua reale introversione

Cosa Normale per ogni introverso che si definisce tale riconoscersi ed essere attratto da titoli tipo questo:
“15 Domande che ti diranno il tuo grado d’introversione”
“10 cose che gli Introversi Odiano”
“20 Frasi che un introverso non vuole mai sentirsi dire”
Bene, niente di male in ciò, ma le domande spesso non sono aperte e soprattutto sono di parte, non servono veramente a stabilire la tua introversione, quanto a confermarla in ogni modo; a molte di esse anche se risponde il più estroverso del mondo, il risultato è almeno un moderato, quando non alto grado d’introversione.

Come ogni sondaggista sa bene, come viene posta la domanda cambia la percentuale nelle risposte, soprattutto dove le risposte non sono aperte.
Volete un esempio, per rimanere in tema:
“A volte ad un party fatichi a lasciarti davvero andare”
Una domanda di questo tipo ha una risposta positiva anche da molti estroversi, anche ai più sociali là fuori capita ogni tanto di avere la giornata storta oppure di non essere in sintonia con il posto o le persone dove si festeggia, quindi molti di loro risponderanno positivamente.

Allo stesso modo una domanda di questo tipo:
“Sai cosa va fatto per essere l’anima della festa”
Ora siamo introversi, mica stupidi, anche il più timido tra noi, sa cosa si deve fare per essere l’anima della festa, solo che non lo fa, comunque visto che lo sa, la sua risposta a questa domanda è ancora una volta positiva, mettendolo di “diritto” tra gli estroversi.

Allora come scoprire se siamo davvero introversi oppure no?
Intanto non è certo un test trovato su internet con dieci domandine che ve lo dovrebbe dire, quanto il vostro cervello, se avete passato i diciotto anni credo che ormai lo sapete da soli anche senza fare test che spesso non hanno nessuna base scientifica.
Per gli amanti dei test ad ogni costo provare per curiosità a fare quelli dedicati agli estroversi e vedere il punteggio ottenuto, oppure ancora meglio fare quelli un po’ più affidabili(senza esagerare) che trovate nei siti di psicologia.
Siccome Introversi, estroversi o ambiversi non sono tutto quello che esiste nel nostro comportamento sono molto in voga i test basati su vari metodi:
Myers-Briggs Type Indicator® (MBTI®) inventato da Katharine Cook Briggs, poi abbiamo l”Enneagramma”, il Big Five, più quelli classici di Carl Gustave Jung su introverso/Estroverso ed anche sempre di lui dei test per capire come valutiamo e soprattutto sul Sentire/Intuizione.

Ora visto che farli tutti è una notevole perdita di tempo(risorsa unica, limitata e non riproducibile), ho trovato per voi un test che ne mette insieme almeno tre(forse di più) e li integra in un solo colpo:
www.16personalities.com
In italiano sarebbe “test delle 16 personalità” e cliccando lo trovate in italiano, ma non so se è completo quanto quello in lingua inglese.

Ricapitolando quanto detto, l’unica cosa che devo considerare, chiamiamolo Test se proprio vogliamo, è come uno si autodefinisce, fattore che influenzerà i nostri comportamenti nei vari ambienti in cui ci muoviamo ogni giorno; per i fautori del Test ad ogni costo è ottimo quello delle 16 personalità.

Torneremo alla seduzione, lasciando da parte sondaggi e Test che lasciano il tempo che trovano, nel prossimo Post, parlando di come comportarsi dopo averla “rimorchiata”:
come e quando chiamarla o scriverle.

Lascia un commento