e par che sia una cosa venuta da cielo in terra a miracol mostrare.

Non cadere nella sindrome da piedistallo se vogliamo attrarre le strafiche

La frase presa dal XXVI capitolo della ‘vita nova’ ci introduce ad un problema abbastanza frequente non solo tra gli introversi, che ne soffrono forse in maggior misura, essendo per natura portati alla riflessione:
quello dell’idealizzazione, della trasposizione di donne particolarmente belle, comunemente dette strafiche, in madonne irraggiungibili come fa in questo caso il sommo poeta (Dante of course) con la sua inarrivabile Beatrice, la quale è stata sicuramente oggetto di infinite seghe mentali ed ancora di più fisiche, dallo scrittore della Commedia poi diventata Divina.

Questo spesso già si realizza nellla prima fase, molti quando vedono questi rari esseri di bellezza femminile pari o superiori all’otto e che non sembrano appena uscite da un night, ma hanno invece una faccia pulita normale da brava ragazza, pensano erroneamente che gli sia apparsa la madonna di Loreto.

Questo provoca a molti, oltre ad una faccia da stupido da concorso, una paralisi delle funzioni celebrali e quindi incapacità di muovere il culo per andare da lei e dirgli qualcosa; meglio così, perchè tale mancanza di onde attive nel cervello produrrebbe un balbettio scoerente che di certo
non produce mai una buona prima impressione (e non ce ne sarà un’altra…).
Molti considerano questi esseri di fantasia, che non esistono realmente, quindi quando il caso li fa imbattere in un esemplare, hanno:
prima una negazione della realtà,
poi un blocco psicologico,
per rifinire il tutto, sopravviene il pregiudizio autolimitante, come abbiamo visto anche nel post:
Denaro, pregiudizio e seduzione donne top

Ho avuto modo di vedere più volte all’opera questi fattori:
in un posto con donne libere da 8 e da 5/6 la maggior parte si lancia su quelle da sei o anche 5 perchè le ritiene più facili o forse perchè non si ritiene all’altezza di una da otto; spesso devo dire hanno pure ragione.
Non prendo qui neanche in considerazione se per caso avvistano una da nove o dieci, ritenendoli esseri mitologici quasi sempre nemmeno riescono a riconoscerle, preferendo sempre una mezza cessa tirata a lucido piuttosto che una strafica al naturale nella sua splendida semplicità.
Se per caso passato il primo momento di stupore per qualche motivo riescono a frequentare una stra continuano ad agire come se fossero esseri di un altro pianeta e quindi con timore, riverenza ed ammirazione nonchè sottomissione pura, certo non le condizioni ideali per generare attrazione e/o seduzione.
Qui viene in aiuto ancora Dante che ci ricorda di fare molta attenzione dicendo, sempre nella Vita nova, nei versi iniziali del XXVI capitolo, questa frase che tanta gente ha inculato:
“tanto gentile e tanto onesta pare”
Se è vero che il volto è angelico, non è detto che lo sia anche il cervello o il cuore, per chi crede che sia lui che comanda i sentimenti:
attenzione un volto bellissimo può nascondere un’anima nera e cattiva come poche.
Se Dante ha usato pare che parafrasato diventa sembra un motivo c’è; forse sarà vero che è gentile ed onesta, ma prima vediamo meglio, attendiamo come si evolvono le cose, aspettiamo la prova dei fatti:
meglio aspettare qualche giorno ad intestare la casa a lei…

Ottieni consigli gratis su come attrarre donne di alto livello.

Iscriviti al club Fire Of Man è completamente Free

ed avrai esclusivi nuovi tipsperiodicamente

fireofman@fireofman.com

 

Lascia un commento