Come parlare con le donne: look e menzogne varie

Click here for the English version.

Circa quindici giorni fa ho fatto un primo post (questo è il LINK ) molto semplice per evitare alcuni degli errori di base che qualcuno non molto pratico ama commettere quando in presenza di esemplari di sesso femminile; vediamo oggi altre cose da tenere in mente per risultare sempre al meglio.
Pochi giorni fa una persona che conosco, quando mi vede dice in modo giocoso di avere pietà del suo look (t-shirts con maniche tagliate alla spalla da cui si vedevano i peli sottoascella, pantaloncini e infradito) adducendo come scusa il caldo e che tornava dal lavoro.
Bene se faceva il contadino o il muratore sopra un tetto potevo in linea di massima capirlo e giustificarlo, ma se lavori con carta e penna in ambiente pulito e spesso anche con condizionatore, allora la cosa non torna più e diventa degrado sociale.
Se le donne sovente soffrono in inverno per attirarci, mostrando generose scollature e striminzite minigonne rasatopa, mi sembra giusto che nei pochi giorni di vero caldo dell’anno, l’uomo sia in grado, se è il caso, di soffrire un poco e si vesta degnamente; non solo ho già parlato in un paio di post come non sia così vero che con camicia o pantaloni lunghi si debba per forza morire dal caldo:
basta scegliere tessuti traspiranti e materiali leggeri e staremo bene ugualmente, spesso anche meglio.

Ma cosa c’entra il look con il parlare con le donne?
Tutto e niente, puoi tranquillamente avere una conversazione profonda ed interessante con la maglia della salute e con ai piedi le ciabatte del nonno; ma la realtà è che stai imitando i salmoni e neanche te ne accorgi.
Stai remando fortemente controcorrente per di più in una salita con forte pendenza; non mi sembra una delle cose più furbe da fare.
Vestiamoci bene con un look che percepiamo come nostro e che ci mette a nostro agio, così potrà darci quell’uno due punti in più che aumenteranno la nostra confidenza, in più sentendoci fighi e attraenti dentro comunicheremo questo anche all’esterno, con parole gesti ed atteggiamenti, in pratica nuoteremo con la corrente a nostro favore, che come tutti sanno va in discesa.

Sabato sera ore 22:00 tutti sono tirati a festa, la differenza non è poi molta fra uno e l’altro, certo noi spiccheremo sempre perchè abbiamo vari punti in più e conoscenza profonda delle dinamiche, ma a primo colpo d’occhio al buio, potremmo anche sembrare tutti uguali o perlomeno molto simili.
La grande differenza si vede il lunedi mattina ore 11:00 o il mercoledi alle 17:00 quando gli altri svogliati e vestiti male diranno:
“tanto per andare al lavoro/ufficio/supermercato…”
Eh già sarebbe davvero troppo facile saperlo prima quando troveremo la donna dei nostri sogni… Invece statisticamente è molto più probabile trovarla durante la settimana magari in treno, tram, al supermercato, in fila alla posta che il venerdi o il sabato sera quando tutti sono a caccia affamati come lupi in inverno e le donne sono con le difese alzate al massimo sapendo che fuori è pieno di predatori.
Non potendo sapere quando Cupido o meglio ancora Eros busserà alla nostre porta è meglio non farsi trovare impreparati, non solo, essere sempre con un look figo aumenterà la nostra autostima ed i benefici saranno palpabili e visibili in tutti i campi della nostra vita.
Ma passiamo al parlare con le donne vero e proprio, ricapitolo brevemente cosa detto di buono nel primo post:
1) Tenere una postura adeguata con testa alta e occhi che guardano spesso negli occhi di lei senza però fissarla da maniaco.
2) Evitare di impostare la conversazione come fosse un interrogatorio dove voi siete il poliziotto e lei l’indagata.
3) Non avere concetti e pregiudizi già stampati in mente, rimanere invece attenti ed aperti alla conversazione ascoltando le parole di lei e rispondendo in maniera fresca e spontanea.
4) Arricchire la propria personalità con libri cultura informazioni e viaggi veri che aumenteranno il nostro essere interessante.
5) Evitare di mentire (lo so è scontato e di base, ma sovente succede a molti, vedere il POST).

Direi che ciò è già sufficiente per distinguersi in positivo rispetto alla massa di sfigati che tentano di rimorchiare qualsiasi cosa che respira che passa vicino a loro, ma dato che noi puntiamo all’eccellenza dell’universo femminile sia per quanto riguarda l’aspetto esterno (bellezza) che quello interno (carattere ed intelligenza) spesso occorre fare uno sforzo ulteriore per essere meritevoli di cotantà bontà e soprattutto rarità.
Viene ripetuto ovunque ma incredibilmente il consiglio viene trascurato frequentemente, quindi lo scrivo qui in caratteri belli visibili e facili da memorizzare:
Chi si loda (troppo) si imbroda
Quindi evitare di millantare abilità ed imprese esagerate anche se fossero vere, meglio lasciare spazi vuoti sempre, la curiosità è il cuore pulsante della seduzione; tra l’altro uno che appena conosciuto una Lei vanta chissà cosa, anche se viene creduto non passa di certo bene, meglio lasciar intravedere, supporre, intuire pian piano, la donna deve scoprirvi lentamente così la sua instancabile curiosità verrà stimolata ed incomincerà ad interessarsi a voi; se gli proponete tutto e subito, vero o falso che sia, l’interesse gli svanirà altrettanto velocemente.
Questo è un concetto molto importante quindi voglio che sia compreso bene, avete presente quando siete al mare e le donne sono praticamente nude, non hanno quasi più niente da scoprire dato che micro reggiseni e tanga che spesso sono più piccoli di un unghia non lasciano molto spazio all’immaginazione?
Ecco ora pensate un attimo invece a quando lo spacco di una donna vestita elegantemente si apre un attimo in più, quando ad una camicetta maliziosa si sgancia per il movimento un bottone in più, oppure nell’accavallare le gambe intravedete una certa macchia scura che non saprete mai se sono le sue mutandine oppure direttamente l’oggetto del desiderio (tranquilli sono gli slip, con le rasate di topa totali che vanno di moda ora, i pochi sparuti peli rimasti non riusciranno mai a dare l’idea di una macchia scura…).
Un piccolo appunto su di una caso particolare riguardante il mentire ad una donna, topic che avevo già discusso in parte in questo post:
Perchè non mentire ad una donna (almeno non sempre).
Alcuni pensando in questo modo di aumentare le loro chances di successo, vantano improbabili ricchezze e disponibilità economiche che non possiedono neanche lontanamente.
Ora lasciando da parte il principio base che non è mai bene far sapere al venditore negoziante che abbiamo molti soldi, dato che tenterà di farci spendere il più possibile, questo tipo di gioco funziona, quando funziona solo con donne disposte a vendere la loro merce (topa); ora ragionandoci sopra anche solo per un attimo, capiremo abbastanza facilmente che se una è disposta a cambiare idea perchè abbiamo molto denaro è per usare un eufemismo una meretrice, no non una mietitrice, ma una più o meno volgare prostituta e l’unica cosa che tribbierà saranno i vostri soldi.
Ricordo che questo tipo di millantato credito difficilmente funziona, dato che come sempre se per una donna l’interesse è il vile denaro, sarà anche espertissima a riconoscere i minimi segnali ed indicatori in grado di farle capire se il vostro conto è davvero bello grasso come andate sbandierando ai quattroventi.
Le uniche, purtroppo per loro, che sono cadute nel tranello, sono quelle dei paesi più poveri, dove i pellegrini del sesso si recano con un potere di acquisto immenso rispetto ai locali.
Anche qui immancabilmente il tempo scopre tutte le menzogne, donne che pensavano di aver sposato un milionario si sono rese conto una volta arrivate in italia, che non solo lui non era ricco, ma spesso abitava pure con i genitori e andava in ferie solo grazie alla cassa integrazione perenne.
Cosa dire, normalmente lei si vendica fornendogli delle mega corna da concorso o cambiando appena può con qualcuno più dotato economicamente.
D’altra parte se è con i soldi che è stata attirata, mi sembra anche normale che abbia un comportamento coerente andando dietro a quelli scegliendo sempre chi ne ha in maggiore misura.
Non voglio essere frainteso, non tutti i casi sono così, al contrario, molti ragazzi sono onesti e dicono alle donne desiderose di venire in Italia esattamente come stanno le cose ed il loro posto nella scala monetaria economica; queste sono unioni che hanno buone possibilità di durare ed anzi sponsorizzo fermamente, dato che l’apporto esterno di geni freschi da donne spesso molto belle migliora sensibilmente la bellezza media delle italiane e contribuisce ad attenuare l’effetto culone basso che purtroppo molte mediterranee hanno.
Avendo corretto anche un altro paio di post ed essendo pure tardi per stasera mi fermo qui, ma il discorso non è di certo ancora finito, quindi vedrò di completarlo allungando questo post o con un altro nuovo il prima possibile, per il momento allenatevi con le informazioni che già avete.

Come sempre scrivetemi a:

fireofman@fireofman.com

Lascia un commento